(TEMPI) – Carta dei diritti del bambino morente


Era il 2012 e un gruppo di professionisti impegnati con bambini colpiti da malattie incurabili decidono di lanciare un progetto sostenuto e promosso da Fondazione Maruzza Lefebvre D’Ovidio (www.maruzza.org), che da anni si impegna a favore dei bambini inguaribili e del loro diritto a essere adeguatamente assistiti nel percorso della malattia.

Leggi l’articolo completo!

(Il Sole 24 Ore) – Cure palliative, ecco la Carta di Trieste sui diritti del bambino morente


Essere considerato “persona” fino alla fine, ricevere un’adeguata terapia del dolore e dei sintomi fisici e psichici che provocano sofferenza, essere ascoltato e informato sulla propria malattia nel rispetto delle sue richieste, dell’età e della capacità di comprensione.
Ma anche avere accanto le persone care ed essere accudito e assistito in un ambiente appropriato alla sua età. Sono i diritti del bambino morente, che in forma di decalogo sono stati sanciti nella Carta di Trieste, presentata oggi a Roma, presso l’Autorità Garante per l’infanzia e l’adolescenza.

(Panorama) – Presentata la Carta dei Diritti del bambino morente


Un documento unico al mondo che pone le basi per i diritti dei bambini e dei doveri per chi li assiste.
È stata presentata quest’oggi, presso l’Autorità Garante per l’infanzia e l’adolescenza, la Carta di Trieste, detta anche Carta dei Diritti del bambino morente, alla presenza del Garante Vincenzo Spadafora, del Consigliere di Amministrazione Elvira Silvia Lefebvre D’Ovidio e di Franca Benin pediatra,
responsabile del Centro Regionale di riferimento della Regione Veneto per la terapia del dolore, cure palliative pediatriche e Hospice pediatrico. Nel mese di settembre 2012, un gruppo di professionisti che lavorano con i bambini colpiti da malattia incurabile hanno lanciato un progetto sostenuto e promosso da Fondazione Maruzza Lefebvre D’Ovidio: formulare una carta dei diritti per i bambini che si avvicinano alla ne della loro vita.

Leggi l’articolo completo!

(Il Tempo) – La qualità della vita dei bambini garantita fino all’ultimo istante


“Essendo considerato “persona” fino alla morte, indipendentemente dall’età, dal luogo, dalla situazione, dal contesto”.
Si apre così la Carta di Trieste, detta anche Carta dei Diritti del bambino morente, presentata a Roma ieri presso l’Autorità Garante per l’infanzia e l’adolescenza.
Un gruppo di professionisti che lavorano con bambini colpiti da malattie incurabili, con il sostegno e la promozione della Fondazione Maruzza Lefebvre D’Ovidio, ha fortemente voluto fissare per iscritto i diritti dei piccoli pazienti”.

Leggi l’articolo completo!

(Federfarma.it) – Cure palliative, ecco la Carta di Trieste sui diritti del bambino morente


Essere considerato “persona” fino alla fine, ricevere un’adeguata terapia del dolore e dei sintomi fisici e psichici che provocano sofferenza, essere ascoltato e informato sulla propria malattia nel rispetto delle sue richieste, dell’età e della capacità di comprensione. Ma anche avere accanto le persone care ed essere accudito e assistito in un ambiente appropriato alla sua età. Sono i diritti del bambino morente, che in forma di decalogo sono stati sanciti nella Carta di Trieste, presentata oggi a Roma, presso l’Autorità Garante per l’infanzia e l’adolescenza.

Leggi l’articolo completo!

(ContattoNews.it) – Minori: presentata a Roma Carta Diritti del bambino morente


Roma, 7 ott 2014 – É stata presentata oggi a Roma, presso l’Autorità Garante per l’infanzia e l’adolescenza, la Carta di Trieste, detta anche Carta dei Diritti del bambino morente. Nel mese di settembre 2012, un gruppo di professionisti che lavorano con i bambini colpiti da malattia incurabile avevano lanciato un progetto sostenuto e promosso da Fondazione Maruzza Lefebvre D’Ovidio: formulare una carta dei diritti per i bambini che si avvicinano alla fine della loro vita.

Leggi l’articolo completo!

(Asca) – Minori: presentata a Roma Carta Diritti del bambino morente


(ASCA) – Roma, 7 ott 2014 – É stata presentata oggi a Roma, presso l’Autorità Garante per l’infanzia e l’adolescenza, la Carta di Trieste, detta anche Carta dei Diritti del bambino morente. Nel mese di settembre 2012, un gruppo di professionisti che lavorano con i bambini colpiti da malattia incurabile avevano lanciato un progetto sostenuto e promosso da Fondazione Maruzza Lefebvre D’Ovidio…

Leggi l’articolo completo!

(Ansa) – In Italia 35mila bambini inguaribili,nasce Carta dei diritti


(Ansa) – ROMA, 7 OTT – In Italia sono tra i 20.000 ed i 35.000 i bambini affetti da malattie inguaribili, ma solo il 5% di questi accede alle cure palliative contro il dolore, previste dalla legge 38 del 2010. Per loro, nasce la ‘Carta dei diritti del bambino morente-Carta di Trieste’, presentata oggi presso l’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza e promossa dalla Fondazione LeFebvre D’Ovidio.
Si tratta del primo testo a livello internazionale che ha come obiettivo la protezione dei diritti fondamentali – sono dieci quelli elencati – nei casi di minorenni con patologie inguaribili.

Leggi l’articolo completo!